venerdì 18 giugno 2010

riassunto: IL VECCHIO E IL MARE



IL VECCHIO E IL MARE

AUTORE: ERNEST HEMINGWAY

RIASSUNTO: Questo libro racconta la storia di un vecchio pescatore, di nome Santiago, che dopo ottantaquattro giorni che non pescava nulla, viveva da solo nella sua capanna come se fosse stato colpito da una maledizione. Manolin era un ragazzo che all’età di cinque anni andava a pescare con Santiago per imparare il mestiere. La gente del villaggio credeva alla maledizione del vecchio e i genitori del ragazzo non volevano che il giovane andasse a pescare con Santiago. Manolin quindi, per continuare a imparare il mestiere dovette andare a lavorare con gli altri pescatori. Nonostante questo il giovane aveva cura del vecchio, in quei giorni di sventura dell’anziano pescatore, gli portava il necessario per sopravvivere.
Una serata il vecchio decise di andare a pesca. Si preparò e all’alba con le esche regalate da Manolin e una bottiglia di acqua il vecchio si spinse con la sua barca in largo dell’Oceano Atlantico. Quando il sole era in alto un pesce enorme abboccò alla lenza dell’anziano pescatore. Il grande pesce che aveva abboccato alla sua lenza trascinò il povero Santiago verso Nord con la sua barchetta per due giorni, il pesce era enorme e pesava quasi un quintale e mezzo. Al terzo giorno il vecchio ferito, assetato e nauseato riuscì a catturare il marlin ( il tipo di pesce che aveva abboccato) decise di tornare a casa. Durante quei tre giorni per catturare il marlin, il vecchio pensava a un giocatore di baseball di nome Di Maggio (un suo grande idolo)e decise di stabilire un patto di fratellanza con il suo pesce catturato. Nel ritorno per andare a casa Santiago dovette lottare quasi a mani nude contro gli squali per difendere il suo pesce. Quando riuscì a tornare a casa gli squali avevano divorato tutto il pesce e avevano lasciato solo la lisca. Tornato a casa Santiago ricominciò a rifare la vita di sempre, solo che Manolin vedendo il vecchio conciato male da quelle tre giornate di pesca, decise da quel momento di disubbidire i suoi genitori e andare a pescare con Santiago.
FINE
COMMENTO: Mi è piaciuto questo libro perché mi incuriosiva l’atteggiamento del vecchio durante i suoi giorni di pesca e il rispetto e l’affetto che aveva il ragazzo nei confronti del vecchio.

I PERSONAGGI
Santiago
Santiago è il nome del vecchio pescatore: «Il vecchio era magro e scarno e aveva rughe profonde alla nuca. Sulle guance aveva le chiazze del cancro della pelle provocato dai riflessi del sole sul mare tropicale e le mani avevano cicatrici profonde, che gli erano venute trattenendo con le lenze i pesci pesanti». Tutti segnali di una vita dura e piena di sacrifici. La sua lotta con il pesce, anche se non si concluderà a buon fine, affermerà il suo orgoglio e il suo coraggio, che sembravano già persi da tempo, ma anche la notevole forza che dimostrerà combattendo quasi a mani nude con i pescecani. Il fatto che della sua preda rimanga solo lo scheletro è solo una sconfitta sul piano economico ma non su quello morale.
Manolo
Manolo è un ragazzo che è stato compagno del vecchio fin da bambino ma, poi i suoi genitori l'hanno costretto a lasciarlo perché tutti consideravano il vecchio molto sfortunato, perché non riusciva a pescare nulla da ottantaquattro giorni. Dunque Manolo si trasferisce in un’altra barca, ma non smette di far visita al vecchio che ogni mattina parte al largo a pescare nonostante torni ogni volta con le reti vuote. Manolo è un personaggio molto importante perché sarà la speranza e il conforto del vecchio nei suoi momenti di solitudine.
Il pesce
Il pesce è un marlin di oltre 5.5 metri, «con delle strisce viola che lo cingevano; e accanto a lui, nuotavano due remore grigie, che non si allontanavano mai». Nei suoi movimenti era calmo e dava l'impressione al vecchio di avere una certa nobiltà d’animo, sembrava che, nonostante la situazione, avesse instaurato un rapporto di lealtà, quasi dignitoso. Forse addirittura sapeva che, con i suoi movimenti, avrebbe potuto uccidere il vecchio ma che poi sarebbe morto anch’esso, a causa della lenza conficcata nel cuore; decise perciò, di combattere fino alla fine, giocando nel modo in cui poteva: d’astuzia. Si arrese a Santiago, come a dimostrare che preferiva concedere il suo corpo a chi ne avesse rispetto, piuttosto che ai pescecani.

LUOGO
Il libro è ambientato nei pressi di Cuba, e il romanzo parla della capanna di Santiago e l’Oceano Atlantico, dove il vecchio va a pescare.
TEMPO
Il tempo è indeterminato, presuppongo visto che nel libro il vecchio fa riferimento a un giocatore di baseball chiamato Di Maggio, durante gli anni della seconda Guerra Mondiale dove in quel periodo giocava Di Maggio.

FRASI CHE MI SONO PIACIUTE

1)Durante la pesca al marlin al vecchio gli viene un crampo alla mano e sinistra e si disse:- Li odio i crampi,sono un tradimento del corpo .E’ umiliante in presenza di altri avere una diarrea o vomitare per via di un avvelenamento. Ma un crampo umilia, specialmente quando si è soli -.

2)Quando Santiago riuscì a catturare il grande pesce, uno squalo lo attaccò e il vecchio per difendere lui e il pesce uccise lo squalo e pensò: - Tutti uccidono tutti gli altri in un modo o nell’altro. La pesca mi uccide proprio come mi dà da vivere-.

40 commenti:

  1. lo sto leggendo e mi piace molto

    RispondiElimina
  2. quali sono le tematiche principali?

    RispondiElimina
  3. I temi del testo sono l'orgoglio e l'onore, infatti Santiago ha ucciso il pesce solo per orgoglio e perchè lui era un pescatore.

    RispondiElimina
  4. Qual' è il rapporto tra fabula e intreccio? (GRAZIE)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispondete please

      Elimina
    2. la fabula coincide con l'intreccio quindi è unitaria.

      Elimina
    3. molto bello che coraggio

      Elimina
    4. ma come era la casa del vecchio? molti particolari mancano .ma è comunque un riassunto fatto bene
      complimenti siete grandi mi avete aiutato

      Elimina
    5. MOLTO BELLLO ti ringraziamo di aver reso possibile a molte persone di avere queste informazioni scusaci se non e' scritto molto bene ma abbiamo tradotto come potevamo
      GOOGLE

      Elimina
    6. il Marlin di Santiago pesava quasi una tonnellata e mezzo, non un quintale e mezzo.

      Elimina
  5. nnnooooooooooooooooooooonnn mi è piaciuto per niente ma grazie lo stesso

    RispondiElimina
  6. questo libro mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
  7. questo libro e bellissimo '

    RispondiElimina
  8. il libro è bello ma il riassunto non è clmpleto

    RispondiElimina
  9. Questo libro mi è piaciuto molto è bellissimo!

    RispondiElimina
  10. sei grande santiago

    RispondiElimina
  11. grazie per il riassunto

    RispondiElimina
  12. quale è il messaggio della storia?

    RispondiElimina
  13. It's the worst book I've never read! I'm lying!!!! it's fantastic!!!!

    RispondiElimina
  14. Gran bel libro e ottimo riassunto!

    RispondiElimina
  15. grazie tante, mi hai salvato in un compito assegnato un mese fa e richiesto il giorno 10/12/2014, cioe domani

    RispondiElimina
  16. devo dire che questo libro è sia bello sia brutto nello stesso tempo...bello perché racconta una storia diversa dal solito, un'insolita conversazione con un pesce che ha un significato profondo.....brutta perché chi comincia a leggerlo e arriva a quella parte comincia a sbuffare ed ad annoiarsi.....comunque su 10 io do 8.5!

    RispondiElimina
  17. mi potete dire com'era a grandi linee la casa del vecchio ??? grazie mille in anticipo
    ps. una scheda fatta molto bene io vi do un bel 9 ;)

    RispondiElimina
  18. Nel libro si ripetono stesse cose alcune volte

    RispondiElimina
  19. Pessimo, davvero pessimo, ho letto pochi libri così brutti.
    Nell'edizione che ho letto io la grammatica non era per niente curata, la punteggiatura messa a caso per il 50% del libro, diventa assai pesante e noioso dopo 30 pagine, il personaggio di Santiago non mi è piaciuto per nulla (Mi risparmio il discorso sui ragionamenti insensati che faceva mentre se ne stava in mare.) e niente, la storia è davvero piatta, in certi punti anche fastidiosa e per quanto mi impegni nel cercare qualcosa di buono, non riesco a trovare nulla.
    In una scala da 1 a 10 io gli do' 2 (Perchè dai, l'inizio dopotutto non era male.).
    Ps. Questo è ciò che penso io, ognuno ha la sua opinione, de gustibus

    RispondiElimina
  20. lo odio sto libro

    RispondiElimina
  21. più o meno si sa quando è
    stata scritta?

    RispondiElimina
  22. Quali parti prevalgono? Descrittive, rifflesive, o dialogiche

    RispondiElimina
  23. Grazie.... Mi è servito il riassunto per un compito di italiano

    RispondiElimina
  24. molto interessante e scorrevole non annoia il. lettore anzi lo. incuriosisce e...

    RispondiElimina